lunedì 9 aprile 2018

VITIGNO NEGRARA

Il Negrara è un vitigno a bacca nera che identifica un gruppo di uve ( famiglia di Negrare ) totalmente diverse tra di loro, coltivate in Trentino-Alto Adige e Veneto. Nel 1818 l'ampelografo Pollini cita una coltivazione di "negrare" nella Valpolicella, mentre l'Alberti nel 1896 ne citava un'altra nel circondario di Verona col nome di negrara o negronza che è totalmente diversa dalla negrara trentina che è quella più comune e caratteristica, successivamente la coltivazione del Negrara si è diffusa in Lombardia sul Lago di Garda, provincia di Brescia e nel Mantovano. Questo cultivar predilige terreni calcarei-argillosi, morenici, con buona esposizione, non teme i freddi invernali, ma è molto sensibile all'oidio, alla peronospora e alla botrite, il grappolo è di forma medio-grande, cilindrico-piramidale, alato, mediamente compatto, l'acino è di dimensione medio-grande, sferico, con buccia spessa, consistente, pruinosa, di colore blu-nero. Viene, di regola, vinificato in assemblaggio, ma ha buone attitudini per la vinificazione in purezza, il vino ha un colore rosso rubino con riflessi violacei, l'aroma è ricco di note fruttate e speziate da pepe verde, in bocca è fresco, sapido, leggermente tannico, fine, di medio corpo, leggermente amarognolo, il grado alcolico minimo è 11°. E' un vino a tutto pasto che si abbina bene a piatti di sugo, a carni rosse, grigliate, arrosti, formaggi mediamente stagionati, salumi, ottimo con la cucina locale, la temperatura di servizio consigliata è 16°-18°.

Nessun commento:

Posta un commento