venerdì 15 maggio 2015

VITIGNO NASCO

Il Nasco è un vitigno antico di provenienza sconosciuta, autoctono a bacca bianca della Sardegna, diffuso, principalmente, nella provincia di Cagliari, conosciuto già dai Romani col nome di " Muscus " per il caratteristico aroma di muschio che l'uva assume quando è molto matura e che in dialetto sardo è detto " nuscu ", da cui il nome. E' un vitigno che preferisce terreni argillosi-calcarei, ben esposti e soleggiati, dal clima caldo e asciutto, il sistema di allevamento è ad alberello, ha una buona vigoria e scarsa produttività, il grappolo è di medie dimensioni, cilindrico, poco serrato, non sempre alato, l'acino è medio, tondo con buccia sottile, poco pruinosa, dal colore dorato, l'uva viene utilizzata spesso per la produzione di vini liquorosi. Il vino ha un colore giallo dorato che sfocia in ambrato nella tipologia liquorosa, il profumo è gradevole, aromatico con note di frutta matura, miele, fichi, agrumi con retrogusto leggermente amarognolo, il sapore va dal secco al dolce, vellutato, caldo, delicato, fine, consistente, di corpo, la gradazione alcolica varia dai 13,5° ai 17,5° secondo la tipologia del vino. Ottimo vino da dessert e da meditazione, indicato per pasticceria, per formaggi erborinati, stagionati, la temperatura di servizio consigliata è 10°-12°per i secchi, 12°-14° per i passiti.

Citazioni: Il Vino si associa sempre ad occasioni in cui la gente è nel suo
                  momento migliore: distensione, appagamento, tranquille mangiate
                   e libero fluire delle idee. ( HUGH JOHNSON )

Nessun commento:

Posta un commento