martedì 24 marzo 2015

VITIGNO UVA di TROIA o NERO di TROIA

Uva di Troia
La storia di questo vitigno a bacca nera autoctono della Puglia centro- settentrionale, zona della Daunia e del Barese, è antica, vi sono varie ipotesi sull'origine, una delle più accreditate è quella che questo vitigno sia stato introdotto nella regione dall'Asia Minore ad opera dell'eroe greco Diomede di ritorno dalla famosa guerra di Troia, da cui il nome, altra ipotesi è quella che sia stato introdotto dall'Albania dalla città di Craja, l'altra, ancora,la vuole originaria della stessa città di Troia, in provincia di Foggia. Considerato uno dei tre vitigni a bacca rossa insieme al Negroamaro e al Primitivo più importanti della Puglia, utilizzato in passato per le sue caratteristiche come vino da taglio per rafforzare in colorazione e corpo altri vini, oggi l'Uva di Troia o Nero di Troia ha una sua identità ben definita; esistono due varietà di questo vitigno, una ha grappolo e acino grande, l'altra, conosciuta a livello locale col nome di Carmosina, ha grappolo e acino più piccolo. Concorre con altri vitigni, quali Sangiovese, Montepulciano, Malvasia nera di Brindisi  ed altri alla DOC Cacc'e Mmitte di Lucera.Questo è un vitigno che si adatta a qualsiasi terreno, sistema di allevamento e potatura, ha una buona produzione, la foglia è di forma media con cinque lobi, il grappolo è di forma piramidale, spesso alato, l'acino è sferico con buccia spessa e consistente. Le uve, vinificate in purezza, danno un vino dal colore rosso rubino intenso dal profumo vinoso, fruttato, floreale, speziato con note di amarena, mora, viola, liquirizia, in bocca è asciutto, fresco per l'acidità, tannico, con una buona struttura alcolica, di corpo, armonico, la gradazione alcolica minima è 12°, si abbina con primi piatti strutturati, carni alla griglia, arrosti, formaggi maturi, la temperatura di servizio ideale è 18°-20°.

Motto: Lo stimolo del Vino è favorevole al gioco dell'invenzione e alla
             scorrevolezza dell'espressione. ( G.C. LICHTENBERG )

Nessun commento:

Posta un commento