giovedì 12 febbraio 2015

VITIGNO TAZZELENGHE

catalogoviti.politicheagricole.it
Il Tazzelenghe è un vitigno rustico autoctono a bacca rossa del Friuli Venezia Giulia, coltivato sulle colline tra Buttrio e Cividale, in provincia di Udine, ha rischiato l'estinzione per la sua difficoltà di coltivazione dovuta all'alta tannicità e acidità delle sue uve che richiedevano maggiore attenzione, oggi l'attenzione di alcuni viticoltori l'ha riportato in auge. Il nome deriva dal termine dialettale " tace-lenghe ", che significa " taglia-lingua ", per l'astringenza del tannino e per l'acidità che rendono il vino adatto all'invecchiamento per ammorbidirlo. Questo vitigno è coltivato su terreni collinari argillosi dando un'ottima vigoria e produzione, è resistente alle malattie, la foglia è media, pentagonale, trilobata, il grappolo è medio, cilindrico, mediamente compatto, alato, l'acino è sferoidale, medio con buccia spessa e pruinosa. Il vino ha un colore rosso rubino intenso che assume sfumature violacee con l'invecchiamento, il profumo è vinoso, fruttato con note di frutti di bosco che evolvono in note speziate di pepe e mandorle tostate con l'invecchiamento, al gusto è tannico, acido, sapido che con l'invecchiamento assumono più morbidezza e finezza, la gradazione alcolica minima è 11°, l'accostamento di questo vino è con piatti tipici regionali, salumi, selvaggina, arrosti, carne alla griglia, formaggi duri ed erborinati, la temperatura di servizio consigliata è 18°-20°.

Motto: Tu, Vino, Dio, tu dono, tu nostro soccorso nel lavoro più duro.
              ( VIRGILIO )

Nessun commento:

Posta un commento