giovedì 29 gennaio 2015

VITIGNO SCIASCINOSO o OLIVELLA NERA

catalogoviti.politicheagricole.it
Lo Sciascinoso è una delle varietà più antiche della Campania, è un vitigno a bacca rossa coltivato principalmente nelle province di Napoli, Avellino e Benevento, conosciuto in alcune zone della Campania e nel basso Lazio col nome di " Olivella Nera " per la caratteristica forma dell'acino somigliante ad una oliva. Questo vitigno non ha particolari esigenze di terreni e di clima, viene coltivato su terreni collinari , sabbiosi, argillosi, vulcanici, l'allevamento è a spalliera con buona vigoria e abbondante produzione, la foglia è media o grande cuneiforme con cinque lobi, il grappolo è piuttosto lungo, quasi compatto, di forma cilindrico o piramidale con una o due ali, l'acino è medio o grande a forma di oliva con buccia  spessa e pruinosa. Lo Sciascinoso, di regola, è vinificato in assemblaggio con l'Aglianico e il Piedirosso,,ma, se vinificato in purezza, dà un vino dal colore rosso rubino in tenso con riflessi violacei, al naso è vinoso, fruttato con note di ciliegia, mirtillo, prugna, al gusto si presemta fresco, sapido, tannico, mediamente corposo, da bere giovane, la gradazione alcolica minima è 11,5°, viene vinificato anche nella tipologia "rosato". E' un vino da bere a tutto pasto, con primi piatti leggeri, minestre, salumi, formaggi semiduri, la temperatura di servizio è 16°-18°.

Motto: I Vini erano eccellenti, v'era un certo Vin rosso che chiamavano fa
             figlioli e che dava luogo a molte lepidezze. ( CARLO GOLDONI )

Nessun commento:

Posta un commento