martedì 13 gennaio 2015

VITIGNO SCHIAVA (famiglia)

Schiava Grossa-italyeno
Schiava Gentile-politicheagricole
Schiava Grigia-vinincanta.it
Parlare di questo vitigno non si può far a meno di citare una famiglia, cosidetta delle "Schiave", conosciuta fin dal XII secolo, originaria, probabilmente, della Slavonia, regione della Croazia, introdotta in Italia dai Longobardi. E' un vitigno autoctono a bacca rossa del Trentino-Alto Adige, presente anche in Lombardia, provincia di Brescia, e in Veneto, provincia di Verona, di questa famiglia conosciamo principalmente tre varietà "Schiava Gentile - Schiava Grigia -Schiava Grossa", sensibilmente diverse nelle caratteristiche varietali.  Questo vitigno non ha particolari esigenze di produzione per quanto riguarda il terreno, l'allevamento è a pergola, da una buona vigoria e la produzione è abbondante e regolare, la differenza della varietà Grossa dalle altre due sta solo nella grandezza della foglia, del grappolo e dell'acino,mentre le altre caratteristiche sono simili, la foglia ha forma pentagonale, il grappolo conico o cilindrico, alato e spargolo, l'acino pruinoso. Se vinificato in purezza, secondo il territorio di produzione, questo vitigno da un vino dal colore rosso rubino intenso al chiaro dal profumo fruttato, in bocca si presenta sapido, fresco, poco alcolico, di poco corpo, lievemente amarognolo, non adatto all'invecchiamento, la gradazione alcolica è 11°, la temperatura di servizio è 16°-18°. L'abbinamento ideale è con i piatti della tradizione locale ma anche con minestrone, zuppe, arrosti, speck, salumi, formaggi semi duri.

Motto: Agli uomini il Vino, agli altri animali, l'acqua delle fonti.
             ( Scuola Salernitana)

Nessun commento:

Posta un commento