venerdì 16 gennaio 2015

VITIGNO CROATINA

cialombardia.org
Vitigno autoctono a bacca rossa dell'Oltrepò Pavese, in Lombardia, e del Piacentino, in Emilia, presente anche in Piemonte e Veneto, conosciuto fin dal medioevo viene spesso confuso col  vitigno Bonarda, geneticamente diverso. Grazie alla sua versatilità è un vitigno che può dare dei buoni vini vivaci e ottimi vini fermi; predilige terreni argillosi-calcarei, fertili, ha buona vigoria e produzione, è resistente all'oidio. La foglia è media, pentagonale con tre o cinque lobi, il grappolo è grande, conico allungato, alato, l'acino è di media grandezza, tondo con buccia spessa e molto pruinosa, la maturazione è tardiva. La Croatina viene spesso vinificato in assemblaggi per dare colore e alcolicità ai vini che ne scarseggiano; se viene vinificato in purezza, dà un vino dal colore rosso rubino intenso dal profumo fruttato di frutti rossi, asciutto, caldo, sapido, poco tannico, con buona acidità, di corpo, la gradazione alcolica è 12°. La Croatina è un vino, così detto, beverino, di pronta beva, a tutto pasto, può essere abbinato a primi piatti al sugo, carni bianche e rosse, salumi e formaggi semi-duri, la temperatura di servizio è 16°-20°.

Motto: Il Vino è la più salutare e igienica delle bevande. (LOUIS PASTEUR)

Nessun commento:

Posta un commento