martedì 9 dicembre 2014

VITIGNO CORTESE

foto viniastimonferrato.it
Il Piemonte è la regione di adozione del vitigno autoctono a bacca bianca Cortese coltivato fin dal 1700 in provincia di Asti e Alessandria fino ai confini con la Liguria, infatti nella zona di Gavi dalle sue uve viene prodotto il vino " Gavi o Cortese di Gavi DOCG ", questo vitigno viene coltivato con minore intensità anche in Lombardia, nell'Oltrepò Pavese, e in Veneto, nel veronese, dove viene chiamato " Bianca Fernanda ". E' un vitigno che predilige terreni collinari ben esposti, non ha particolari esigenze di adattamento, di regola viene coltivato a controspalliera ed è poco tollerante all'oidio, ha una elevata vigoria ed abbondante produzione, la foglia è di media grandezza con tre o cinque lobi, cuneiforme o pentagonale, il grappolo è medio-piccolo, cilindrico o piramidale, corto, compatto con una o due ali, l'acino è medio-piccolo a forma di ellisse con buccia molto pruinosa. Il vino, se prodotto in purezza, ha un colore giallo paglierino più o meno intenso dai profumi fini e delicati di fiori e frutta, fresco,sapido, poco alcolico, armonico, quando è giovane il suo punto più caratteristico è la freschezza, è adatto ad invecchiamento e spumantizzazione, il grado alcolico è 11°. Il vino Cortese è ottimo come aperitivo, viene abbinato di regola con antipasti, primi e secondi di pesce, formaggi a pasta molle, la temperatura di servizio è 10°-12°C.

Motto: Bacco spalanca le porte del cuore. ( ORAZIO )