martedì 4 novembre 2014

VITIGNO PETIT ROUGE

foto regione.vda.it
Vitigno autoctono considerato il migliore e il più coltivato a bacca rossa della Valle d'Aosta, grazie agli antichi Romani la viticoltura si è diffusa in questa regione montana, per eccellenza, dal clima freddo ben sopportato da questo vitigno che mal gradisce le annate umide e di pioggia. Coltivato, principalmente, nella valle della Dora Baltea con allevamento a Guyot semplice, ha una vigoria media con produzione buona e costante, la foglia è  di forma media con tre lobi, il grappolo è medio-piccolo, piramidale o tronco con una o due ali, l'acino è piccolo, sferico con buccia pruinosa e sottile. Il vino ha un colore rosso violaceo tendente al granato con profumo vinoso, fruttato con note di rosa, viola, mirtillo e col tempo mandorla amara, il gusto è morbido, vellutato, lievemente tannico, abbastanza alcolico, di corpo, la gradazione alcolica è 12°-13°; l'abbinamento di questo vino è a tutto pasto, con salumi, zuppe, viene utilizzato molto nelle ricette valdostane, la temperatura di servizio è 18°-20°C.

Motto: Quali sono i tre inconvenienti provocati dal bere? Accidenti, signore,
             il naso rosso, il sonno e l'orina. ( dal Macbeth di SHAKESPEARE )

Nessun commento:

Posta un commento