giovedì 6 novembre 2014

VITIGNO GRECO (famiglia)

foto grecoditufo.biz
foto civiltàdelbere.com
foto lavinuim.com
Questo vitigno autoctono appartiene alla famiglia dei " Greci "( come già citato nel post del vitigno Grechetto ), ha due sinonimi " Greco o Greco di Tufo " e "Greco Bianco o di Bianco", il primo più diffuso in Campania, in provincia di Avellino (Comune di Tufo), il secondo più diffuso in Calabria, in provincia di Catanzaro e Reggio (Comune di Bianco), lo troviamo coltivato più di rado in Puglia, Basilicata, Lazio, Abruzzo. Le caratteristiche dei due vitigni sono pressochè identiche, sono poche le dissonanze, il primo predilige terreni collinari  freschi, profondi di origine vulcanica e dà vini più profumati e strutturati, il secondo predilige terreni collinari asciutti e caldi ed è più adatto ad un breve appassimento delle uve per la produzione di vini passiti, il primo da il nome al famoso vino " Greco di Tufo DOCG " e lo troviamo vinificato per le sue percentuali nel " Cannellino di Frascati DOCG - Frascati Superiore DOCG - Fiano di Avellino-Apianum DOCG ". L'allevamento dei due vitigni è ad alberello o a spalliera, la foglia è piccola, pentagonale, il grappolo è grande, allungato, piramidale o cilindrico, piuttosto compatto, alato, l'acino è piccolo e tondo con buccia dura e pruinosa. Il vino ha un colore giallo paglierino più o meno intenso con riflessi verdolini tendenti al dorato, il profumo è fruttato, floreale con note di pera, pesca, banana,mandorla, fiori di campo, in bocca è fresco, sapido, ampio, morbido, intenso e persistente con retrogusto amarognolo, la gradazione alcolica è 11,5°-12°, nella versione "passito" la gradazione è 16°. L'abbinamento è con antipasti di verdure, piatti di pesce, crostacei, salumi, formaggi molli, la temperatura di servizio è 8°-12°C. Nel Lazio, precisamente in sette comuni della provincia di Viterbo, questo vitigno è conosciuto col nome di " Greco di Vignanello, mentre in Calabria esiste la varietà di vitigno a bacca rossa
" Greco Nero " che dà un vino dal colore rosso rubino scarico usato per lo più in uvaggio.

Motto: ...Ah! Lo dolce ber che non m'avria mai sazio! ( DANTE )

Nessun commento:

Posta un commento