mercoledì 22 ottobre 2014

VITIGNO CANNONAU

foto lavinium.com
Le discussioni sulla provenienza di questo vitigno si sono sprecate, molti studiosi davano le origini in Spagna, ma da recenti studi e ricerche possiamo affermare che è un vitigno antico autoctono a bacca rossa della Sardegna e la sua coltivazione è diffusa su tutta l'isola e il suo vino è il più antico del Mediterraneo. Predilige terreni collinari alluvionali e sabbiosi, è un vitigno con molta vigoria e media produttività allevato ad alberello, anche se ultimamente si preferisce la coltivazione a pergola. La foglia è di media grandezza con grappolo di forma tronco-conico, compatto e alato, l'acino è medio, sferico con buccia consistente e pruinosa. Le sue uve possono essere vinificate come vino da pasto rosso o rosato oppure come vino liquoroso secco o dolce, il colore è rosso rubino più o meno intenso tendente all'aranciato con l'invecchiamento, il profumo è gradevole che con l'invecchiamento diventa intenso, ampio, floreale, fruttato con sentori di viola, prugna, mora, frutti di bosco, spezie, il sapore varia  dall'abboccato al secco, sapido, caldo, corposo, armonico. Il grado alcolico varia a secondo della versione del vino, va dai 12,5° per il rosato e il secco, ai 16° per la versione liquoroso dolce, ai 18° per la versione liquoroso secco; l'abbinamento del vino Cannonau è molto vario, il rosato si abbina a piatti poco strutturati, a carni bianche ed è ottimo come aperitivo,la versione secco si abbina a piatti strutturati, a carni rosse, selvaggina, formaggi stagionati, la versione liquoroso secco e dolce  si abbina a formaggi piccanti ed erborinati, ottimo da dessert e da meditazione; la temperatura di servizio varia secondo la versione del vino, va dai 12°-14°C. ai 16°-18°C.

Motto: Dell'acqua solo bevere chi no have del Vino. ( JACOPONE da TODI )

Nessun commento:

Posta un commento