venerdì 26 settembre 2014

VITIGNO TEROLDEGO

foto Iasma
Vitigno a bacca rossa tipica del Trentino dove trova la sua massima adattabilità nel Campo Rotaliano,zona pianeggiante percorsa dal fiume Noce protetta lateralmente dalle montagne con terreni permeabili, con detriti alluvionali che danno a questo vitigno una elevata produttività e struttura. E' presente anche in Veneto e in Lombardia. Da recenti studi fatti sul Dna del vitigno, si è scoperto che ha una certa affinità con il vitigno Marzemino (altro autoctono) e il Lagrein (anch'esso autoctono). La vite ha foglia grande pentagonale, grappolo medio-grande, acino con buccia spessa dal colore rosso-violaceo, viene vinificato in abbinamento con altri vitigni locali o in purezza, dove  esprime la sua grande eleganza adatto all'invecchiamento. Il vino ha un colore rosso rubino intenso, profumo vinoso, fruttato, floreale con sentori di viola,lampone,ciliegia, con l'invecchiamento assume riflessi granati e profumi tostati, sapore secco, strutturato, poco tannico, buona acidità e non molto alcolico, infatti il suo grado alcolico va dai 11,5 ai 12,5% vol. secondo se è giovane,invecchiato o riserva. L'abbinamento ideale del Teroldego è con bolliti,arrosti,brasati,carni grigliate, selvaggina e con formaggi stagionati. La temperatura di servizio è di 16°-18°C se è un vino giovane, di 18°-20°C se è invecchiato.


Motto: Sia benedetto chi per primo inventò il vino che tutto il giorno mi fa stare    allegro. ( Cecco Angiolieri)

Nessun commento:

Posta un commento